Tendenze d'arredo per strutture ricettive: 5 consigli + 1!

Tendenze d'arredo per strutture ricettive: 5 consigli + 1!

Consigli 0 Commenti

Le strutture ricettive hanno attraversato una forte trasformazione per quanto riguarda le più importanti tendenze d'arredo di spazi privati e comuni: attualmente, si può percepire in modo innegabile la progressione di questo cambiamento, che ha messo sotto i riflettori alcuni elementi prima poco considerati.
Vediamo insieme 5 consigli + 1 per seguire le ultime ispirazioni in fatto d'arredamento!

Millennials, social e una nuova idea di lusso

Fino a pochi anni fa, per considerare un albergo, un agriturismo o un b&b di lusso si indagava sulla presenza di particolari servizi e sulla qualità degli accessori e dei complementi d'arredo: spazi ampi, una vasca idromassaggio, una bella vista, un televisore grande, un'assistenza impeccabile erano alla base di una struttura di pregio.
Oggi, questi dettagli rimangono importanti, ma il gusto dei clienti sembra essere leggermente cambiato.

  1. Sta, infatti, emergendo sempre più la tendenza ad arredare le strutture ricettive “come a casa”, cioè replicando un'atmosfera famigliare, calda, comoda e accogliente. Indipendentemente dallo stile scelto per gli ambienti, la prima idea di lusso passa dalla sensazione di sentirsi subito a proprio agio. Questa nuova interpretazione ha dilagato fra gli hotel – sono sempre più numerosi, infatti, i Boutique Hotel che propongono camere intime ed esclusive – ma è da sempre promossa anche da tanti agriturismi e b&b, che considerano la presenza di spazi “domestici” un grande punto di forza.

  2. Sempre più apprezzata è anche la presenza di più stili: le strutture coniugano sempre più elementi classici, moderni, minimalisti e creativi per realizzare ambienti privati e comuni caratterizzati da una linea di base riconoscibile e distintiva, interpretata – però – in modo diverso in ogni spazio. Questa personalizzazione così forte rende il soggiorno ancora più interessante e valorizza al meglio l'edificio e l'identità dell'attività.

  3. Collegata a questi primi due punti c'è, poi, la consapevolezza che oggi è sempre più importante dialogare in modo efficace con la fetta di popolazione rappresentata dai “Millennials”. Che significa?
    Significa realizzare angoli condivisibili, creare atmosfere ed esperienze che possano finire sui social, rimbalzando di profilo in profilo. Una scelta stilistica originale, la presenza di tecnologia di alto livello, l'organizzazione di eventi e serate particolari: ogni idea può diventare un punto di incontro con questa particolare clientela, sempre più esigente anche dal punto di vista dell'estetica.

  4. Una struttura ricettiva deve, poi, adeguarsi il più possibile alle nuove esigenze dei propri visitatori: in tanti lavorano, ormai, da casa o – meglio – sul proprio pc e non sono più obbligati a fare presenza fisicamente in ufficio. Molti impiegati e professionisti potrebbero, quindi, lavorare anche durante un viaggio, perfino nel bel mezzo di una vacanza: per questo motivo, è importante mettere a disposizione scrivanie ampie, tavoli per il co-working, illuminazione di qualità e molte prese funzionanti.

  5. Infine, un po' in tutte le strutture ricettive sta dilagando la tendenza a valorizzare il proprio arredo con pezzi d'arte: gli hotel più grandi mettono a disposizione i propri spazi comuni per vere e proprie mostre, ma anche le attività più piccole possono pensare di sensibilizzare sul tema accogliendo nei propri ambienti opere di artisti locali.

Un ultimo consiglio: è sempre più forte e sentita l'esigenza di rispettare l'ambiente e proporre soluzioni tecnologiche sostenibili. Nella progettazione o nella ristrutturazione di una struttura ricettiva sarebbe bene includere anche elementi e dettagli che rispecchiano una scelta green!